Siti internet: ottimizzare le conversioni

Siti internet: ottimizzare le conversioni

Condividi

Le conversioni misurano le azioni intraprese dagli utenti durante la navigazione di un sito web e corrispondono al raggiungimento di un obiettivo rilevante, definito dall’azienda stessa.

Per misurare le conversioni è necessario inserire, all’interno del sito, delle call to action che permettano al cliente di compiere un’azione come iscriversi al canale YouTube dell’azienda, alla newsletter o acquistare un prodotto nel caso di un sito internet e-commerce.

Le conversioni fanno parte dei KPI (Key Performance Indicator), ossia indicatori di chiave di prestazione che consentono di stabilire se un’azione definita dall’azienda, sta avendo successo o meno. Si tratta di vere e proprie misure quantificabili e possono essere prettamente quantitative – e quindi riferirsi a dei numeri precisi come il numero di contratti chiusi in un mese o il numero di nuovi clienti acquisiti – oppure più qualitative, dove ci si basa soprattutto su opinioni e impressioni.

Ma vediamo più nel dettaglio le conversioni e perché è così importante ottimizzarle.

Cos’è il tasso di conversione?

Il tasso di conversione misura appunto le conversioni che avvengono sul sito web e si riferisce al rapporto tra il numero di utenti che interagiscono con il sito, e quindi potenzialmente interessati ad esempio all’acquisto di un prodotto, e il numero di persone che effettivamente acquistano quel prodotto o compiono altre azioni importanti per l’azienda come la sottoscrizione ad una newsletter o la partecipazione ad un evento.

È fondamentale misurare questo dato e cercare di ottimizzarlo attraverso una serie di attività volte a trasformare il semplice interesse per un prodotto o servizio in acquisto.

Si parla quindi di CROConversion Rate Optimization – (ottimizzazione del tasso di conversione), un’attività imprescindibile che deve essere inserita nella strategia di marketing aziendale e ha l’obiettivo principale di aumentare o mantenere il tasso di conversione. Ci sono strumenti e strategie utili per farlo, vediamo quali.

Come si ottimizzano le conversioni?

Di seguito una serie di consigli per ottimizzare le conversioni di un sito web. Buona lettura!

Ottimizzare il sito web ed eliminare eventuali attriti

Un sito web lento e poco reattivo aumenta esponenzialmente la probabilità che un utente lasci la pagina e sposti la sua attenzione altrove.

Google stesso comunica che il 32% degli utenti abbandona un sito se non si carica nei primi tre secondi.

Migliorare anche l’user experience è fondamentale, eliminando tutti i passaggi non necessari che potrebbero ostacolare l’utente facendolo desistere dall’acquisto.

Evitare form troppo lunghe e complicate

Spesso, prima di un acquisto o di una sottoscrizione a un servizio è necessario compilare delle form, utilissime all’azienda per reperire informazioni e definire la profilazione dettagliata di un cliente.

Se le form sono preziose per le aziende, a volte possono risultare fastidiose per gli utenti che potrebbero interrompere la compilazione per mancanza di tempo o perché vengono richiesti troppi dati. 

Il consiglio della nostra web agency è quello di non eccedere con la richiesta di informazioni e cercare di utilizzare form sintetiche e semplici

Testare le pagine di un sito web

Il tasso di conversione è un dato in continua evoluzione ed è per questo motivo che è molto importante effettuare test per analizzare i volumi di traffico, la frequenza di rimbalzo, i clic ricevuti, la durata della sessione ecc.

È buona prassi, quindi, analizzare gli elementi di un sito internet che funzionano e quelli che non funzionano, apportando successivamente modifiche ai testi, alle immagini o alle CTA per vedere se hanno qualche relazione con le scarse conversioni di quella specifica pagina.


L’A/B test, ad esempio, è un metodo molto utilizzato per analizzare il tasso di conversione. Grazie a quest’ultimo, è possibile testare 2 versioni dello stesso sito internet (o anche solo alcune pagine), sottoponendole a due gruppi differenti di utenti. In questo modo diventa molto semplice scoprire quale delle due versioni ottiene più conversioni e perché.

L’importanza delle call to action

Il messaggio di una call to action è fondamentale per ottimizzare le conversioni. Se l’utente non capisce cosa otterrà cliccando su quel pulsante, molto probabilmente abbandonerà la pagina. 

Le call to action, oltre ad essere riconoscibili e inserite in punti strategici della pagina, devono avere le seguenti caratteristiche:

  • essere sintetiche e, allo stesso tempo, chiare ed esaustive;
  • contenere un valore per l’utente;
  • invitare all’azione, ma non essere scontate;
  • essere ordinate e specifiche. 

Puntare sull’effetto scarsità

L’effetto scarsità produce il desiderio di cercare di ottenere ciò che è limitato, secondo un meccanismo psicologico in cui più raro è il prodotto, maggiore valore possiede.

In ambito e-commerce, per esempio, si mostrano spesso le quantità di prodotto restante oppure un countdown per un prezzo scontato.

Un player famoso per questa tecnica è Booking che sfrutta proprio l’effetto scarsità per finalizzare le conversioni.

Offrire un supporto rapido

L’assistenza clienti è fondamentale per conquistare la fiducia (e mantenerla) dei clienti potenziali e acquisiti.

Offrire un supporto durante la fase di acquisto, tramite live chat o numero telefonico, infonde maggior sicurezza e spinge gli utenti a concludere l’acquisto senza ulteriori dubbi.

Utilizzo delle parole gratis o gratuito

Secondo numerose ricerche la parola gratis o gratuito nella call to action, ha un tasso di conversione del 38% più alto rispetto alla mancanza di queste parole, un’enormità!

Per non rischiare l’effetto opposto, l’azienda deve essere in grado di mantenere la promessa. È sempre buona regola, quindi, offrire gratuitamente un prodotto o servizio possibile e reale, come ad esempio la spedizione che può essere gratuita dopo l’acquisto di un determinato quantitativo.

Inserire recensioni o testimonianze di clienti

Le persone che hanno provato il prodotto e ne sono rimaste soddisfatte sono i testimonial migliori.

Le persone tendono a fidarsi maggiormente di una persona che ha acquistato il prodotto, piuttosto che  della descrizione fatta dall’azienda.

Questo aumenterà sia le conversioni che la brand awareness.

Conclusione

Esistono molti altri piccoli accorgimenti per ottimizzare le conversioni di un sito web come ad esempio il sapiente utilizzo delle immagini, titoli e sottotitoli efficaci e coinvolgenti o controllare e rispondere periodicamente alle recensioni che arrivano sulla pagina di Google My Business

In una strategia di marketing, dando la giusta importanza a tutti questi aspetti, si otterrà un aumento delle conversioni e di conseguenza della crescita aziendale!

Hai dei dubbi sul funzionamento del tuo sito internet? Ti sei reso conto di avere un basso tasso di conversione? Contatta la nostra web agency in provincia di Bergamo per una consulenza gratuita. L’esperienza maturata nel campo del web design, l’aggiornamento costante e l’utilizzo dei migliori programmi, ci permettono di supportare i nostri clienti nella realizzazione di siti internet professionali e funzionali, in grado di massimizzare le conversioni.

Compila il modulo per scaricare il PDF

Agenzia di comunicazione e marketing

Siamo partner HubSpot specializzati in inbound marketing e marketing digitale. Creiamo brand identity, illustrazioni e infografiche distintive. Progettiamo siti web dal design unico, con particolare attenzione alla user experience.

Inviaci la tua candidatura

Area Riservata

Archivio immagini
Ikonos

Ikonos srl

Agenzia di comunicazione e marketing a Bergamo
Via Carlo Alberto Dalla Chiesa, 10 – 24048 Treviolo
P.IVA 02049700160
Capitale Sociale € 51.480 i.v.
R.E.A. 258638 – SDI T04ZHR3
ikonos@pec.ikonos.tv